Approvati 10 partenariati europei per accelerare la transizione verde e digitale

Il Consiglio dell’Unione europea ha dato il via libera al Single Basic Act, ovvero un regolamento volto a facilitare il lancio di nove nuovi partenariati europei (Joint Undertakings), tra l’Unione europea, gli Stati membri e/o l’industria. I partenariati hanno lo scopo di fornire soluzioni innovative per far fronte alle sfide in materia di salute, tecnologia e clima. Inoltre, il Consiglio ha adottato una decisione sul coinvolgimento dell’UE in un decimo partenariato, la European Partnership on metrology, con l’obiettivo di aumentare gli investimenti nella ricerca e nelle capacità metrologiche, e consentire in questo modo prodotti innovativi rilevanti.

Il lancio dei partenariati fa seguito alla proposta della Commissione di febbraio, che mira ad accelerare la transizione verde e a rendere l’UE climaticamente neutrale e digitale, oltre a rafforzare la resilienza e la competitività dell’industria europea. L’UE fornirà quasi 10 miliardi di euro attraverso il programma Horizon Europe, cui dovrà fare seguito un importo equivalente di investimenti da parte dei partner. Questo contributo combinato dovrebbe mobilitare ulteriori investimenti nei settori della salute, dei trasporti, dell’energia, della tecnologia digitale e della metrologia, creare posti di lavoro e generare un impatto positivo a lungo termine sull’ambiente e sulla società.

I dieci nuovi partenariati europei entreranno ora nella loro fase di costituzione e attuazione, che comprenderà l’assunzione di personale, la nomina di organi consultivi e la preparazione di programmi di lavoro. Una volta istituiti, saranno lanciati nuovi bandi per selezionare e finanziare progetti di ricerca e innovazione secondo gli obiettivi prefissati dai partenariati.

Per la lista dei partenariati e per ulteriori informazioni, cliccare su questo link.