Progetto SANNIO  – Le proposte  degli Imprenditori Sanniti

Sannio Innovativo,  Sannio  Turistico,  Sannio Sostenibile, sono  le direttrici  attraverso le quali promuovere lo sviluppo del territorio.

Questo il messaggio emerso  oggi nel corso dell’Assemblea Generare dei soci organizzata questa mattina a partire dalle ore 11:00 presso il  Complesso San Vittorino.

Un percorso che passa attraverso un modello di sviluppo integrato e che necessita di investimenti privati, di interventi di completamento di grandi opere infrastrutturali, del rafforzamento di attrattori di sviluppo quali le ZES e del potenziamento di inclinazioni territoriali quali la produzione di energia da fonti rinnovabili e il turismo.

Sul fronte delle iniziative private, attraverso il Patto Territoriale, Benevento ha predisposto il progetto ”SITUS” al quale hanno risposto 39 aziende (di cui 20 selezionate)  per  40 milioni di  investimento che a regime saranno in grado di generare un incremento di fatturato di 80 milioni di euro e oltre 150 ULA.

Benevento è la 7° provincia in Italia per produzione di Rinnovabile, capofila di un importante ITS “Energi Lab” in questo settore.

Benevento si candida a diventare tra le più importanti fonti di approvvigionamento idrico della Campania, grazie alla diga di Campolattaro.

Nonostante ciò, ancora molti i segnali di fragilità quali la densità abitativa, il PIL pro capite (la provincia presenta un reddito pro capite pari a 15.900 euro a fronte dei 27.000 dell’Italia), l’occupazione (negli ultimi 10 anni la provincia ha perso 16.000 posti di lavoro),  l’indice di dotazione stradale (Benevento , ha il 2% della rete autostradale della Campania).

I LAVORI ASSEMBLEARI

Dopo i saluti di Clemente Mastella,  Sindaco di Benevento e Nino Lombardi, Presidente FF Provincia di Benevento

L’Introduzione  è stata affidata al Presidente di Confindustria Benevento Oreste Vigorito “ Per sapere dove andremo dovremo vedere come cammineremo. Abbiamo bisogno di condividere obiettivi territoriali che guardi oltre i confini territoriali. Dovremo essere in grado di  ridurre i divari, tra Nord e Sud del Paese, Tra generazioni e  di genere e per farlo c’è bisogno di connessione e potremmo farlo tramite le reti, stradali e ferroviarie. Dovremmo agire su tre fattori prioritari Mobilità, Porti e Aree Industriali. Solo cooì potremo lavorare ad un progetto di futuro che veda il sannio protagonista.”

Subito dopo è stata la volta di  Ciro NapoliResponsabile Progetti Napoli e itinerario Napoli – Bari  che ha ricordato che “l’opera altamente strategica, la nuova linea Alta Velocità e Alta Capacità Napoli – Bari rappresenta un volano per lo sviluppo economico del Sud e dell’intero Paese.

Con i suoi 5,8 miliardi di investimenti produce ricadute economiche importanti su imprese e lavoratori: entro la fine del 2022 tutti i cantieri saranno operativi e a regime saranno circa 5000 le persone, tra ditte appaltatrici e indotto, ad essere impegnate nella realizzazione della nuova linea. La Napoli – Bari permetterà inoltre il miglioramento delle connessioni delle Province più interne della Campania, oltre che della Puglia, alla linea AV Napoli – Roma – Milano, primo passo di un ampio processo di integrazione e di sostegno allo sviluppo socio-economico del Mezzogiorno, con notevoli ricadute occupazionali e significativi benefici per l’economia delle regioni coinvolte.”

Sannio attrattivo – Le opportunità della ZES

Piero De Luca – Deputato  “Le Zes rappresentano una vera e propria opportunità di Sviluppo. Abbiamo raggiunto importanti traguardi e disponiamo di un piano Strategico che rappresenta un punto di partenza. La definizione del piano vede uno  sviluppo a Macchia di Leopardo. Oggia le Aree industriali necessitano di una riperimetrazione per consentire di attrarre investimenti anche in quei territori che presentano una saturazione in termini di lotti disponibili.

Oggi l’80% delle ZES rientra nelle ASI che, allo stato, non possono essere si soggetti attuatori del PNRR. Abbiamo bisogno di modifiche su questo punto per offrire opportunità di rilancio che passino dalle ZES.

Ed Infine dobbiamo puntare ad una infrastrutturazione che consenta il collegamento delle ZES ai principali punti di snodo.”

Giuseppe Romano – Commissario ZES Campania “Le ZES sono partite. Oggi sono una reale opportunità per attrarre investimenti. Nel Mezzogiorno sono 8 le ZES ed in Campania siamo i primi ad aver nominato il commissario Straordinario ed avviato una serie di procedure volte a favorire gli strumenti di semplificazione e di incentivazione degli investimenti. Il nostro impegno sarà massimo al fine di garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati.”

Sannio sostenibile – Le energie rinnovabili

Per Edoardo Ronchi – Presidente Fondazione Sviluppo Sostenibile “Gli alti costi dell’energia di origine fossile  che sta colpendo pesantemente famiglie e imprese  e la necessità di rafforzare l’autonomia energetica, strategica  per il Paese  e indispensabile per tagliare le importazioni di petrolio e di gas dalla Russia, richiedono un più forte impegno per una rapida e consistente crescita delle fonti rinnovabili di energia, in particolare solare ed eolica: fonti pulite ,necessarie per affrontare la crisi climatica e ormai disponibili a costi  molto minori del gas. Servono impegno delle amministrazioni locali e supporto tecnico per  facilitare la diffusione di impianti per la produzione di elettricità  da fonti rinnovabili  per abbattere i costi dell’energia per le imprese locali , in particolare medie e piccole”

Conclusioni

Vincenzo De Luca – Presidente della Regione Campania ha dichiarato:  “Siamo nel pieno di un conflitto che sta completamente e destabilizzando l’economia. Oggi abbiamo una inflazione che viaggia sul 6-7% e un PIL al ribasso che fa rivedere tutte le stime definite finora. Dobbiamo cercare condizioni di equilibrio che evitino un conflitto mondiale e che consentano al nostro Paese di non essere tra i più penalizzati considerato che ad oggi siamo importatore di grandi quantitativi di gas dalla Russia che non potranno essere controbilanciati in tempi brevi dagli accordi con altri Paesi. Venendo al Territorio: abbiamo destinato ingenti risorse ad opere infrastrutturali nel Sannio che vedono il completamento di importanti assi viarie e l’ammodernamento di linee ferroviarie strategiche, Abbiamo predisposto il finanziamento di un importo considerevole  per la diga di Campolattaro che rappresenterà il più grande bacino di acqua del territorio. Ci assumiamo l’impegno di completare le opere  Mellusi e del Rione Libertà e attiveremo i collegamenti tra area industriale e principali punti di snodo.  Sanità,  Trasporti e Servizi  le nostre priorità nel rispetto di tutti i territori campani.”

I Lavori sono stati moderati da Federico Monga – Direttore del Mattino